skip to Main Content

Italia purtroppo ancora bocciata 

Cinque sconfitte, 239 punti al passivo e solo 55 all’attivo, 34 mete subite (il dato peggiore dal Duemila) e 7 cartellini gialli, per l’Italia il Sei Nazioni è stato un calvario. 

Galles campione, “with a little help” da parte degli amici scozzesi che l’ultima giornata hanno battuto la Francia a Parigi.

E dire che c’era chi, a fine torneo, immaginava il Galles addirittura dietro all’Italia. E chi pensava che la miglior chance per gli Azzurri di interrompere la lunga sequenza di sconfitte, che data dal 2015, sarebbe stata proprio la partita dell’Olimpico contro i Dragoni. Chiamale se vuoi illusioni…

Scozia capace di vincere a Twickenham dopo 38 anni e Parigi dopo 22. Ma la squadra di Townsend deve recriminare sulle due sconfitte in casa e sula disciplina: i due cartellini rossi, quello di Fagerson, la prima giornata, e quello di Russell, nell’ultima partita, sono un’aggravante e non un alibi.

Inghilterra bocciata: era dal 1976 non si vedeva affibbiare il Triple Spoon, la sconfitta in tutte e tre le partite con le avversarie celtiche.

Francia ancora in costruzione, anche per i Coqs fatale la disciplina e la concentrazione nei minuti finali: la meta di Itoje, contro l’Inghilterra, ha spento il sogno del Grande Slam, il giallo a Serin e lo scriteriato e incomprensibile contrattacco di Dulin hanno regalato la partita alla Scozia nel recupero della terza giornata che ha chiuso il torneo. 

L’analisi di tutte le partite, i promossi e i bocciati del Sei Nazioni, sul numero di Allrugby di aprile. 

Find this content useful? Share it with your friends!
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi