skip to Main Content

“A me sembra una cosa che assomiglia a niente”, dice Richard Cockerill, director di Leicester dopo che, a distanza di una decina di giorni, viene fuori che uno dei suoi Tigers ha allungato le zampe e si è servito senza pagare a un McDonald’s vicino a Treviso, dopo la vittoria sul Benetton nel match di preparazione del 19 agosto.
I fatti sono andati più o meno così: un giocatore (il nome non è stato rivelato) stufo di stare in coda, ha abbrancato qualcosa senza pagare. Qualcuno dello staff ha chiamato i carabinieri che hanno identificato i presenti, tra cui il predone. “Per me è tutto a posto, lo era anche quella sera. Chi ha esagerato, è stato richiamato”, prova a sbrigare il vecchio Dick.
Attendendo sviluppi, la storia ha una morale: ma un club come il Leicester doveva andar per forza da McDonald’s? Nessuno di loro sapeva che da quelle parti esistono deliziose trattorie dove è possibile prenotare, sedersi, mangiare bene e bere meglio?
G. Cim.

Nella foto di david Rogers/Getty Images, un attacco dei Tigers con Adam Thompstone

Find this content useful? Share it with your friends!
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi