skip to Main Content

Il tallonatore gallese Rob Davies è il nuovo campione paralimpico di singolare nel tennis tavolo. Ha dato una mano a migliorare un sempre più cospicuo medagliere britannico ed è tornato in prima linea. Quella del rugby l’ha abbandonata nel 2005, quando aveva 21 anni: il match era Brecon-Ynysybwl e il collasso di una mischia gli è fatale: collo spezzato. Lo portano allo Wales University Hospital e l’elicottero – colpi pazzeschi della sorte – è lo stesso che poco prima aveva trasportato suo fratello gemello Richard, coinvolto in un incidente stradale. Gli fanno subito capire che perderà l’uso di gambe e braccia, ma Rob è uno che non si arrende. Ricoverato in un’unità spinale, migliora, comincia a muovere braccia e mani. L’incontro con Sara Head è fatale: il tennis tavolo entra nella sua seconda vita. A Londra 2012 passa un turno e va fuori a quello successivo. Nel frattempo vince quattro titoli europei, nel singolo e nel doppio e va a Rio da 14° nel ranking, con speranze microscopiche. Per la prima volta batte i coreani e vince la medaglia d’oro. Quando tornerà a Abergavenny, festa assicurata. (G. Cim.)

Find this content useful? Share it with your friends!
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi