skip to Main Content

Connacht v Glasgow, semifinale del Pro12, è finita 16 a 11 per gli irlandesi. Arbitro, l’italiano Mitrea. E’ un altro tassello importante che va a posto, nel puzzle dell’Italia del rugby che sogna di diventare grande. O perlomeno adulta – ha scritto Stefano Semeraro nel numero 103 di Allrugby -. Marius Mitrea, 34 anni, nato a Galati, in Romania, ma dai 18 anni in su prima abitante e poi cittadino del nostro Paese – inteso come nazione, ma anche come località alle porte di Treviso… – il 29 maggio sarà il primo italiano ad arbitrare un test match di Tier 1. E che test match: Inghilterra v Galles a Twickenham. Marius, ex ala-estremo (“diciamo pure utility back…”) un mese dopo sarà prima giudice di linea e poi arbitro anche dei due test match fra Giappone e Scozia a Tokyo. Il 13 marzo ha già sventolato la bandierina fra scozzesi e francesi a Murrayfield: se tutto andrà bene sarà lui il primo arbitro made in Italy nel Sei Nazioni.
Sabato 21 maggio, intanto, gli è toccata la semifinale del Pro12 fra Connacht e Glasgow, con Nigel Owens assistente di linea (insieme a Stefano Pennè) e Carlo Damasco TMO.
Semeraro lo ha intervistato qualche settimana fa a proposito della designazione per Inghilterra –Galles.
Più preoccupato o orgoglioso?
«Preoccupato no. Un po’ di orgoglio, per essere il primo italiano a dirigere un Tier1, e per giunta il derby più sentito delle Isole Britanniche a Twickenham, ovviamente c’è. Anche a Tokyo mi aspetto una belle esperienza, fuori e dentro il campo, perché ormai il Giappone è in grado di giocarsela contro tutte le “unions” europee».
L’amore per il rugby quando si è acceso?
«In Romania avevo giocato un po’, ma poca roba. Mio padre Sandel era appassionato di rugby, ma una volta crollato il regime di Ceausescu a Galati non c’erano più possibilità. Quando con mia madre Tinca ho raggiunto papà a Paese, a 18 anni, si è riaccesa la fiamma».
Arbitro per vocazione o per caso?
«Un po’ per caso. A 25 anni mi sono fratturato una gamba, proprio allora era uscita la direttiva federale per cui le società dovevano mettere a disposizione un giocatore per il corso da arbitro e il presidente della squadra, Pavin, ha chiesto a me di frequentarlo, visto che non potevo giocare.
Leggete tutta l’intervista su Allrugby 103, disponibile anche online. Abbonatevi a Allrugby digital sulla home page di www.allrugby.it

Find this content useful? Share it with your friends!
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi