skip to Main Content

E così gli All Blacks hanno perso: per la prima volta in 111 anni di storia contro l’Irlanda e per la prima volta dall’agosto del 2015, dopo 18 successi consecutivi.  Ci può stare. I neozelandesi mediamente perdono una partita ogni 11. Stavolta ne avevano vinte 18 consecutive (record): non possono recriminare.
I segreti della vittoria dell’Irlanda, disciplina, pochi rischi e l’imprevedibilità (per fortuna) dello sport.
Gli All Blacks a Chicago (risultato finale per gli irlandesi 40-29) hanno corso palla in mano una distanza quasi quattro volte superiore a quella degli avversari (514 metri contro i 194 degli irlandesi) e superato 16 avversari diretti (11 quelli battuti dagli irlandesi) con 8 “buchi” in attacco, contro 5.
In pratica è successo, a ruoli invertiti, quello che era accaduto quindici giorni prima tra Nuova Zelanda e Australia: i Wallabies avevano corso di più, giocato di più, mosso più il pallone e avevano perso, vittime del cinismo degli avversari.
Stavolta i neozelandesi sono stati caduti nella stessa trappola con cui in passato avevano “cucinato” tutte le altre formazioni.
Come si spiega?
La spiegazione sta nel fatto che i numeri non dicono tutto: l’Irlanda ha avuto un percentuale di successo nei calci ai pali del 67%, la Nuova Zelanda dell’80%.
Gli irlandesi hanno mancato 16 placcaggi su 151 (89% positivi) e i Tuttineri ne hanno sbagliati 11 su 108 (90% di successo).
L’Irlanda ha calciato più del doppio (29-13): una tattica che spesso si rivela suicida perché espone una squadra ai micidiali contrattacchi dei Blacks.
Ma alla fine sul risultato pesano tre quattro fatti essenziali: nel primo tempo, in cui gli irlandesi hanno dominato possesso e territorio (67% in entrambe le statistiche) la squadra vincitrice ha messo a segno 25 punti a 8. Nel secondo, in cui i numeri si sono ribaltati (65% possesso e 70% territorio per la Nuova Zelanda) gli All Blacks ne hanno realizzati 21 contro 15. Si chiama efficienza, precisione, cinismo. Sabato, per una volta, sono state tutte a vantaggio dell’Irlanda. Esattamente quello che in passato aveva premiato i campioni del mondo contro tutti gli avversari. Metteteci qualche pasticcio di troppo: gli All Blacks hanno concesso 17 turnover contro 14 e 12 calci di punizione contro 4. In più hanno subito un cartellino giallo: quello di Moody al settimo minuto. In sua assenza i neozelandesi hanno concesso12 punti. Guarda caso quelli che hanno alla fine hanno fatto la differenza.
Mancavano Whitelock e Retallick, Dagg e Lienert – Brown, Crotty e Moala si sono fatti male durante il match. Anche gli All Blacks sono umani.
Potrà l’Italia approfittarne? Non certo facendo tesoro di un evento irripetibile.
Da copiare: il gioco al piede irlandese: Murray, Sexton e l’esordiente Carbery hanno orchestrato il gioco senza inutili svolazzi. Maul e ruck sono state solide ed efficaci. Idem la touche e la mischia dei vincitori, Ma non esiste tattica al mondo che ti insegni a trarre vantaggio di tutte le occasioni che hai a disposizione: cinque mete gli All Blacks non le subivano del 2000 (allora furono 6, 46-40 per il Sudafrica).
Lo sport è fatto di bravura, presenza fisica, efficacia nel punto di incontro. Per una volta la Nuova Zelanda è inciampata. Non si ripeterà tanto facilmente

Find this content useful? Share it with your friends!
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi