skip to Main Content

“Sarà fenomenale”, ripete da tempo Andy Friend fremendo e pensando a quando la nave ovale accosterà a Rio. Friend è l’uomo che ha avuto le chiavi del regno dell’Australia Sevens e che è salito alla ribalta quando ha deciso che la squadra poteva fare a meno di Quade Cooper. Perché il Sevens è una filosofia di fatica, impegno e scelte da sviluppare in un battito di ciglia: veloci, resistenti, forti e fulminei. “Non è un segreto – dice Friend – che i più veloci che non andranno in pista e i più forti che non andranno sul ring hanno trovato un posto nelle Fiji”. Lui ha lavorato duro con i suoi uomini (un lungo periodo di allenamento a Darwin, 33° di temperatura e 80% di umidità nel nord tropicale dell’Australia) e li ha portati in giro per il mondo: malgrado sia la Qantas uno degli sponsor dei Wallabies, i Sevens hanno avuto biglietti di economy. I lussi illanguidiscono.
Sul Sevens olimpico al governo mondiale di World Rugby hanno le stesse idee di Friend: “Rappresenterà un momento di grande cambiamento”. Le prime cifre sono eloquenti: grazie al nuovo formato, le giocatrici nel mondo sono passate da 200.000 a 2 milioni, un milione di ragazzini si è avvicinato al gioco e il torneo di Rio andrà in diretta tv negli Usa e in Cina, una platea virtuale da un miliardo e 700.000 milioni di persone. In Australia, dove gli ovali non bastano mai, hanno anche inventato una nuova formula: si chiama Viva7s, non prevede contatto fisco ed è già stato lanciato con successo in 700 scuole. Forse sarà il caso di cominciare a muoversi.
In Usa hanno preso il torneo olimpico molto sul serio. Giusto così: tutto sommato gli americani mettono in palio il titolo che conquistarono nel 1924 in fondo a una feroce partita con i francesi. I Patriots hanno prestato Nate Erbe e sempre dal football vengono Perry Baker e soprattutto Carlin Isles, running back e velocista, già soprannominato l‘uomo più veloce del rugby. 10”24 nei 100 e 4”28 nelle 40 yards. Esperienza di palla ovale “classica” verrà da Chris Wyles che ha lasciato i Saracens e il gioco a XV per concentrarsi sul formato a cinque cerchi. Tra le ragazze, un gruppetto proveniente da proteiformi esperienze sportive (Jessica Javelet viene dall’hockey e dal fooball, Alev Keiter dall’hockey e dal calcio) e di vita, come Jillion Potter che ha sconfitto il cancro e una frattura al collo.
G. Cim.

Nelle foto di Philippe Lopez/Getty Images, Collins Injera, fuoriclase del Kenia, uno dei paesi emergenti in questa specialità.

Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi