skip to Main Content

Nelle dodici partite giocate quest’anno, per dieci volte il gap del punteggio è stato tra zero (pareggio tra Irlanda e Galles) e 16 (vittoria della Scozia a Roma). Solo in due casi è stato più largo (9-40 e 58-15 in Italia-Inghilterra e in Irlanda-Italia). In tutte le altre partite, grande
equilibrio (il più stretto e i più larghi: un punto tra Francia e Irlanda, 11 tra Inghilterra e Irlanda e tra Scozia e Francia) e eccellente spettacolo.
Tutto questo non potrà che portare acqua al mulino di chi vuole ritoccare la formula del Torneo. L’Italia lo… turba, così come spesso ha… turbato i gironi della prima fase di Heineken e Champions.
Riflessione nella riflessione: se domenica la Francia avesse vinto, si sarebbe presentata al faccia a faccia con l’Inghilterra con la chance di agganciarla, non di superarla, a meno di un fantascientifico successo con una cinquantina di punti di margine. Il margine di sicurezza è stato assicurato in gran parte dall’Italia.
La classifica dei fatti-subiti è ancora una volta impietosa. Inghilterra +52, Galles + 9, Scozia +17, Francia – 17, Irlanda +31, Italia – 92. In questi anni di 6 Nazioni l’Italia non ha mai, ovviamente, finito con il segno +. La peggiore stagione è venuta nel 2005 (- 124), la migliore nel 2013, – 36. In altre sette occasioni è stato doppiato il promontorio dei 100 punti incassati. Quest’anno per raggiungere il traguardo ne mancano solo 8.
Ancora un’annotazione: al debutto, nel 2000, l’Italia chiuse a – 122, l’anno scorso a – 120. E quest’anno… Il passo del gambero è stato scritto da Gunther Grass e ha trovato uno stuolo di imitatori in azzurro.
Cimbricus

Find this content useful? Share it with your friends!
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi