skip to Main Content

Lione è la città della seta e del cibo trasformato in arte, sublime eleganza, solida tradizione, sperimentazione, attentato al portafoglio e alla carta di credito.
Per chi andrà ad assistere alla finale il tempio a cui rendere pellegrinaggio, la Twickenham della cucina, è a Collonges au Mont d’Or dove officia Paul Bocuse, 90 anni e da mezzo secolo decorato con le tre stelle della Michelin: record mondiale. Con l‘ideale aiuto di chef Paul – che perdonerà errori, manchevolezze, accostamenti arditi, banalità – non resta che compilare i menù per la tarda serata di venerdì, finale di Challenge tra Harlequins e Montpellier, e per sabato, finale di Champions tra Saracens e Racing Parigi. Mai così a est i momenti decisivi dell’eurorugby.
Venerdì
Zuppa di moules (cozze) della Linguadoca
Filetto alla O’Shea: manzo irlandese cotto lentamente nella Guinness Cervo della Cevennes cucinato alla moda sudafricana
Tarte all’Harlequin
Vini: per l’antipasto Blanquette de Limoux leggermente frizzante; per le carni Clos Bagatelle 2005
Sabato
Ostriche Racing
Lasagne rosse e nere di grano saraceno con spezie nigeriane
Rombo blanc-ciel
Sorbetto al kiwi
Vini: per i frutti di mare e il pesce, Chardonnay di Canterbury; per la pasta, Chambertin, amato anche da Napoleone
Digestivo: un piccolo sorso di cognac Grand Marc de Champagne, annata, ça va sans dire, 1823.

Find this content useful? Share it with your friends!
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi