skip to Main Content

Il nuovo ct del Sudafrica è Allister Coetzee, nome da scozzese, cognome da boero, pelle da africano. Ha cominciato a giocare da bambino ed è probabile fosse sulle gradinate di Port Elisabeth quando nel ’73 l’Italia giocò contro la nazionale nera, i Leopards. In un Sudafrica immerso nell’apartheid, ha avuto la fortuna di giocare, da mediano di mischia, nella Eastern Province Union (Swallows, Harlequins, Wallabies) dove non si facevano differenze di razza: un raggio di sole nell’oscurità.
Da coach ha scoperto Siya Kolisi, Nizaam Carr (uno dei rari esempi di giocatore proveniente dalla comunità indiana ), Scarra Ntubeni e Chesln Kolbe, ma ha anche lanciato Eben Etzebeth e Frans Malherbe. Da allenatore degli Stormers è riuscito a realizzare l’obiettivo finale del nuovo Sudafrica, il bilanciamento delle razze: 11 neri e 12 bianchi.
Harold Wilson, per una vita il suo presidente, ha detto che “Allister ha avuto a che fare con le tensioni che hanno agitato il paese, ma  è pronto a fare qualcosa di rivoluzionario. Con lui le attitudini avranno la meglio sul colore della pelle”. Per Steve Hansen, uno che parla sempre chiaro, “un compito difficile quando si ha a che fare con il sistema delle quote, uno dei modi con cui il Sudafrica ha deciso di fare i conti con il proprio passato. Per noi neozelandesi è difficile da comprendere”.
La marcia verso il 2019 è cominciata e qualcuno, laggiù, dice che con Coetzee il rugby sudafricano lascerà l’età dei dinosauri.Che il Madiba gli dia una mano.
G. Cim.

Nella foto di Gianluigi Guercia/Getty Images, il nuovo allenatore del Sudafrica

Find this content useful? Share it with your friends!
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi