skip to Main Content

A 54 anni se n’è andato Massimo Cuttita, pilone della Nazionale nel decennio d’oro, 1990-2000. Settanta cap, 22 volte capitano, “Maus”, come era conosciuto su tutti i campi, fu il primo italiano a trasferirsi in Inghilterra dove vestì per una stagione la maglia degli Harlequins.

Nato nel settembre del 1966 a Latina, aveva cominciato a giocare in Sudafrica dove il padre si era trasferito alla fine degli anni Sessanta. Tornò in Italia nel 1985 e fu subito ingaggiato da L’Aquila, da dove poi si trasferì al Milan, il club con cui vinse quattro scudetti tra il 1991 e il 1996.

L’esordio in Nazionale ad aprile del 1990 contro la Polonia. Poi altre 69 caps, l’ultimo contro l’Inghilterra a Roma, nel Sei Nazioni, a marzo del 2000. 

Tra i tanti momenti memorabili della sua carriera, la vittoria contro la Francia, nel 1997 a Grenoble, e le mete contro l’Inghilterra ai Mondiali del 1995 a Durban (la foto lo ritrae in prima linea contro Western Samoa a East London, sempre nel 1995), e contro l’Irlanda nel 1997 a Dublino, prima vittoria azzurra contro i verdi in trasferta. Da tecnico entrò a far parte nel 2009 dello staff della nazionale scozzese. Successivamente lo è stato anche della Romania, del Canada e del Portogallo.  Gli sia lieve la terra. 

Find this content useful? Share it with your friends!
Back To Top

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi